EsauriT

EsauriT (Immunoesaurimento in soggetti asintomatici o paucisintomatici con positività protratta per SARS-COV2: uno studio esplorativo)






L’immunoesaurimento è una disfunzione delle cellule T tipica delle infezioni virali croniche e del cancro, dove il programma di differenziazione T cellulare è profondamente alterato. Il fenomeno si manifesta con una scarsa risposta T cellulare, con l’espressione di recettori ad attività inibitoria sui checkpoints immunitari ed alterazioni dei normali pathways di trascrizione cellulare dei Linfociti T.  Ne risulta un’incapacità della cellula T di contrastare efficacemente le infezioni virali croniche ed il cancro.
La stimolazione antigenica cronica e diverse citochine modulano l’espressione di alcuni recettori di membrana, ad esempio PD1, e mediatori prodotti dalle cellule T, portando alla produzione di infociti T “esauriti”.
Numerosi studi hanno descritto il profilo linfocitario e i livelli di citochine in pazienti con quadri moderati/severi di SARS-COV2, ma, a nostra conoscenza nessuno studio ha affrontato questo tema nei pazienti paucisintomatici o asintomatici, spesso diagnosticati solo per aver avuto contatti diretti con pazienti COVID19.
Obiettivi
Obiettivo primario

Descrivere il profilo delle sottopopolazioni linfocitarie su sangue periferico, il loro stato di attivazione, l’espressione dei recettori dei checkpoint inibitori in pazienti asintomatici o paucisintomatici con RT-PCR per SARS COV 2 su tampone nasofaringeo persistentemente positiva (15 giorni dalla scomparsa dei sintomi o 28 giorni dal primo tampone positivo in paziente asintomatico).

Obiettivo secondario

Descrivere il profilo citochinico e anticorpale in pazienti asintomatici o paucisintomatici con RT-PCR per SARS COV 2 su tampone nasofaringeo persistentemente positiva (15 giorni dalla scomparsa dei sintomi o 28 giorni dal primo tampone positivo in paziente asintomatico).